Gestione della fauna ittica

 Ai sensi della legge provinciale sulla pesca, “la coltivazione delle acque deve basarsi, di norma, sull’incremento della produttività naturale dell’acqua da pesca nel riequilibrio biologico e mantenimento delle linee genetiche originarie delle specie ittiche …”.

La Carta ittica, prevista dalla legge, definisce i metodi di studio della fauna ittica nelle acque della provincia di Trento. I dati così raccolti, elaborati ed aggiornati, costituiscono i Piani di gestione della pesca, approvati con deliberazione della Giunta provinciale ed utilizzati dalle Associazioni pescatori per la coltivazione delle acque.

Per ogni lago e corso d’acqua (o tratto di corso d’acqua), i Piani contengono informazioni riguardanti:

- distribuzione delle specie ittiche e consistenza dei loro popolamenti;

- struttura e dinamica delle principali popolazioni ittiche;

- bilancio semine/pescato e risultati della gestione attuata;

- modalità per la coltivazione delle acque ed interventi necessari per riportare verso condizioni di naturalità gli ambienti acquatici e i popolamenti ittici;

- quantità e qualità degli eventuali ripopolamenti;

- regolamentazione della pesca.   

cattura dei riproduttori di Trota marmorata, con elettropesca

riproduzione artificiale di Trota marmorata

Referente